Il Covid non ferma il riciclo degli imballaggi

Il Covid non ferma il riciclo degli imballaggi

In Emilia-Romagna i ritiri dei rifiuti di imballaggio da raccolta urbana non si sono mai interrotti e il riciclo non ha conosciuto soste, anche durante i primi mesi del 2020. I cittadini della Regione hanno conferito in modo differenziato più di 243.000 tonnellate di rifiuti di imballaggio, crescendo di oltre sei punti percentuali (+6,2%) rispetto alle 229.000 conferite nel primo semestre del 2019. Sul valore pro-capite, tra gennaio e giugno 2020 gli emiliani e i romagnoli hanno conferito allo stesso Conai una media di quasi 56 kg di rifiuti di imballaggio a testa, mentre nei primi sei mesi del 2019 ogni cittadino aveva conferito una media di circa 52 kg. Il Conai rileva come nel corso del primo semestre del 2020 ogni abitante della Regione abbia differenziato in media 2,2 kg di acciaio, 0,2 kg di alluminio, 14,9 kg di carta, 5,1 kg di legno, 12,4 kg di plastica, e più di 21 kg di vetro.

Questo significa che la raccolta differenziata è un’abitudine interiorizzata dalla maggior parte della cittadinanza.

Fonte: Corriere Romagna