La finanza europea e gli investimenti verdi

La finanza europea e gli investimenti verdi

Bruxelles modificherà le attuali norme in materia di consulenza finanziaria per promuovere gli investimenti verdi per dedicare più risorse  ai progetti sostenibili. La Commissione Junker ha calcolato che sarebbero necessari 180 miliardi di euro l’anno da destinare a clima ed energia.

Le finanze pubbliche non sono sufficienti e per coinvolgere il settore privato in questo impegno si richiede un cambiamento sistemico nella cultura dell’investimento. Un cambiamento che l’esecutivo intende definire nel suo nuovo Piano d’azione sulla finanza sostenibile. La Commissione europea ha già raccolto le indicazioni elaborate dal gruppo di esperti ad alto livello, messo insieme nel 2016. Il prossimo passo sarà quello di trasformare in azioni concrete le raccomandazioni fornite dagli esperti.

Il ri-orientamento del capitale privato verso investimenti più sostenibili richiede un ripensamento completo del sistema finanziario. Uno degli elementi fondamentali sarà l’istituzione di un sistema di classificazione inteso a chiarire meglio ai mercati ciò che s’intende per “sostenibile”, elaborando di pari passo una lista di controllo degli investimenti e delle attività di finanziamento ritenute “verdi”. Tale lista verrebbe utilizzata dalle autorità di regolamentazione per alleggerire i requisiti patrimoniali delle banche che concedono prestiti a progetti sostenibili.

 

Fonte: www.rinnovabili.it